Card. Giacomo Lercaro

 

Quinto al Mare, 28/10/1891 - Bologna, 18/10/1976

 

Nel 30° anniversario della sua morte

 

Il ottobre 2001 abbiamo ricordato il 30° anniversario della morte del Card. Giacomo Lercaro. Nei suoi 26 anni di episcopato, tra le tante attività da lui proposte, ebbe un'attenzione particolare ache per la pastorale vocazionale.

Ci sembra opportuno ricordarlo riportando un passo del "Discorso sulla pastorale delle vocazioni" tenuto ai sacerdoti della diocesi di Bologna nel corso della giornata sacerdotale del Congresso Eucaristico il 18 settebre 1967.

 

"Si tratta di dare una dimensione vocazionale alla pastorale diocesana: non si tratta di creare nuove strutture, ma di adottare concreti provvedimenti perché, nelle strutture esistenti, l'azione pastorale sia ispiratrice e educatrice di vocazioni e non ci si fermi ad un problema di reclutamento o di seminario, anche se si è ben lontani dal sottovalutare questo problema. Così la dimensione vocazionale della pastorale sarà particolarmente presente nei tempi forti delle parrocchie (associazioni; ritiri, catechismo) e in tutte le varie iniziative di formazione cristiana. Dicendo" dimensione vocazionale", intendiamo interesse a formare anime diligenti e premurose a rispondere al Signore; intendiamo anche capacità della Comunità cristiana di donare a sé e a tutta la Chiesa quelle vocazioni di cui la Chiesa ha bisogno. E notiamo infine che, se da una parte bisogna evitare gli eccesi della propaganda, bisogna pure evitare anche l'altro eccesso (oggi frequente) di attendere passivi il lavoro della Grazia".

 

Cfr. "Bollettino diocesano dell'Archidiocesi di Bologna", 1967, n. 10-11-12, pp. 452-472.

© 2019 by SEMINARIO ARCIVESCOVILE DI BOLOGNA

  • Wix Facebook page

        ...Che questo edificio grandioso sia propiziatore di bene innanzi a Dio per la città, la Diocesi e la provincia di Bologna e sia fonte                di benedizione per tutti coloro che sanno guardare al Seminario come alla sorgente di novelle forze per la civiltà e la religione.

 

(Dal discorso di S.E. Mons. Ruffini, Segretario della Congregazione dei Seminari, del 2 ottobre 1932)