Cenni storici

La Biblioteca del Seminario Arcivescovile di Bologna è una biblioteca ecclesiastica che nasce e si sviluppa a servizio del Seminario diocesano, istituito nel 1567 dal Card. Gabriele Paleotti.  

 

Attualmente è collocata nell'edificio di Piazzale Bacchelli, sede del Seminario dal 1932, costruito per volere dell'Arcivescovo Card. Giovanni Battista Nasalli Rocca, al quale è intitolata la sala di consultazione. 

 

Custodisce alcuni fondi speciali: antico, storia locale, Marchesini, Manfredini, Poma, Biffi, Sarti, Gamberini, Casa del clero.

 

Dal 2012 la biblioteca gestisce anche i tre importanti fondi della Biblioteca Arcivescovile di Bologna. 
Fondo Oppizzoni: nel 1594 la donazione della biblioteca personale del Card. Paleotti costituisce il primo nucleo, arricchitosi con le successive donazioni del Card. Lambertini e completato dal Card. Oppizzoni. Nel 1856 fu pubblicato il catalogo ad opera di Luigi Frati . 
Fondo Breventani: è la biblioteca personale di don Luigi Breventani, sacerdote e studioso bolognese, che fu anche direttore insieme al fratello dell'Istituto San Giuseppe (un'altra sede per la formazione dei seminaristi bolognesi). 
Fondo Nasalli Rocca: contiene la parte di libri della Biblioteca Arcivescovile aggiunti a partire dal 1856.

 

Dal 2013 la biblioteca aderisce al Polo SBN delle Biblioteche Ecclesiastiche (cod. PBEG5).